CLNV - Chi siamo e cosa facciamo

IL COMITATO DI LIBERAZIONE NAZIONALE VENETO

Un movimento di liberazione nazionale agisce in nome di un intero popolo; come aggregato organizzato di individui diviene destinatario legittimo delle norme del diritto internazionale; trattasi di un gruppo di esseri umani uniti da vincoli storici, etnici, religiosi, culturali.

◼️ COS’É E COSA FA IL C.L.N.Veneto

Il CLNVeneto è un “Movimento di liberazione” che rivendica, in base a leggi italiane ed internazionali, tutti i territori Veneti occupati dallo stato italiano che vanno da Bergamo al Friuli, corrispondenti ai territori della Serenissima Repubblica Veneta al momento della invasione napoleonica . Essendo un soggetto di diritto internazionale accreditato all’ONU, persegue l’obiettivo della “DECOLONIZZAZIONE DEI TERRITORI VENETI OCCUPATI” in esecuzione di quanto previsto dal DIRITTO e dai TRATTATI INTERNAZIONALI sottoscritti anche dall’Italia.

Il CLNVeneto agisce e rivendica, per nome e per conto dell’intero popolo Veneto, come aggregato organizzato di individui destinatari legittimi delle norme del diritto internazionale e si riconosce in un gruppo di esseri umani uniti da vincoli storici, etnici, religiosi e culturali comuni.

____________________

Gli scopi dei movimenti, comitati e fronti di liberazione nazionale tra i quali il CLNVeneto Vengono pertanto riconosciuti a motivo dei loro scopi, quali:

La lotta per liberarsi dalla dominazione coloniale

Esempi: etnocidio del Popolo Veneto con l’occultamento della storia ; tutti i prefetti nei Territori Veneti NON sono VENETI; 19 miliardi di residuo fiscale derubato ogni anno per mantenere corruzione e burocrazia italiani

La lotta per liberarsi da un regime razzista

Esempi: cariche pubbliche per clientelismi e controllo territoriale in mano a forze NON venete, prefetti e forze militari in primis

La lotta per liberarsi da un’occupazione straniera

Esempi : I Territori Veneti sono stati occupati un Secolo e mezzo di anni anni fa dai Savoia con un referendum truffa sotto occupazione militare con “cessione dei Territori Veneti” due giorni prima del referendum del 21-22 ottobre 1866, quindi non legittimo.

 ____________________

◼️LA COSTITUZIONE ITALIANA PREVEDE LA SOTTOMISSIONE ALLE LEGGI ED AI TRATTATI INTERNAZIONALI

In particolare, l’Art. 10 della costituzione afferma che una legge internazionale generale diventa norma del diritto interno delle singole nazioni mentre l’art. 11 stabilisce che l’Italia si impegna a promuovere e favorire la formazione di organizzazioni internazionali e quindi ad accettare le conseguenti limitazioni di sovranità per contribuire alla pace e alla cooperazione tra le nazioni.

◼️ COSA DICE IL DIRITTO INTERNAZIONALE

I movimenti/comitati/fronti di liberazione nazionale, come il Comitato liberazione nazionale Veneto, sono soggetti di diritto internazionale qualificati dalla loro legittimazione internazionale basata sul DIRITTO ALL’AUTODETERMINAZIONE sancito dal “Patto internazionale relativo ai diritti civili e politici” adottato a New York il 19 dicembre 1966, ratificato dall’Italia con legge n.881 del 25 ottobre 1977,ratificato dall’Italia con legge n.881 del 25 ottobre 1977, il quale dice testualmente: 

PARTE PRIMA

art.1 comma 1: “Tutti i popoli hanno il diritto di autodeterminazione. In virtù di questo diritto, essi decidono liberamente del loro statuto politico e perseguono liberamente il loro sviluppo economico, sociale e culturale”

art.1 comma 2: “Per raggiungere i loro fini, tutti i popoli possono disporre liberamente delle proprie ricchezze e delle proprie risorse naturali senza pregiudizio degli obblighi derivanti dalla cooperazione economica internazionale, fondata sul principio del mutuo interesse, e dal diritto internazionale. In nessun caso un popolo può essere privato dei propri mezzi di sussistenza”

art.1 comma 3: Gli Stati parti del presente Patto, ivi compresi quelli che sono responsabili dell’amministrazione di territori non autonomi e di territori in amministrazione fiduciaria, debbono promuovere l’attuazione del diritto di autodeterminazione dei popoli e rispettare tale diritto, in conformità alle disposizioni dello Statuto delle Nazioni Unite.un 

 

PARTE SECONDA

art. 2 comma 1: Ciascuno degli Stati parti del presente Patto si impegna ad operare, sia individualmente sia attraverso l’assistenza e la cooperazione internazionale, specialmente nel campo economico e tecnico, con il massimo delle risorse di cui dispone, al fine di assicurare progressivamente con tutti i mezzi appropriati, compresa in particolare l’adozione di misure legislative, la piena attuazione dei diritti riconosciuti nel presente Patto.

art. 2 comma 2 : Gli Stati parti del presente Patto si impegnano a garantire che i diritti in esso enunciati verranno esercitati senza discriminazione alcuna, sia essa fondata sulla razza, il colore, il sesso, la lingua, la religione, l’opinione politica o qualsiasi altra opinione, l’origine nazionale o sociale, la condizione economica, la nascita o qualsiasi altra condizione.

________________

◼️ C.L.N.Veneto: COSA NON SIAMO

NON siamo ne un Partito Politico ne un sindacato

Non siamo un partito politico, dell’arco costituzionale Italiano e neppure un sindacato, siamo un COMITATO DI LIBERAZIONE notificato all’ONU come SOGGETTO DI DIRITTO INTERNAZIONALE

NON siamo assoggettati alle leggi Italiane

Non riconosciamo lo stato italiano come “legale” sui territori Veneti occupati in forza delle stesse leggi italiane e delle leggi internazionali.
Rispettiamo e vogliamo che vengano applicate le leggi ed i trattati internazionali sui territori veneti.
Non riconosciamo “legali” – sul territorio veneto – tutte le forze militari e di polizia dello stato italiano occupante.

NON riconosciamo gli enti impositori italiani

Non riconosciamo nessuna capacità impositiva fiscale dello stato italiano sulle proprietà, sui cittadini, sui prodotti e sui territori Veneti i quali hanno come unico referente ed impositore provvisorio solamente il CLNVeneto.

________________

◼️ LE MOTIVAZIONI DEL C.L.N.Veneto E DI TUTTI I COMITATI DI LIBERAZIONE.

Un movimento di liberazione nazionale agisce in nome di un intero popolo; come aggregato organizzato di individui diviene destinatario legittimo delle norme del diritto internazionale; trattasi di un gruppo di esseri umani uniti da vincoli storici, etnici, religiosi, culturali.

C.L.N.Veneto:  CHI SIAMO e DOVE ANDIAMO

Nel titolo VI è il motivo di questo scritto. Certo, molte volte ci poniamo questa domanda che provoca, nelle persone attente, una profonda riflessione personale che analizza le scelte e fissa gli obiettivi da raggiungere, siano essi personali o ad indirizzo sociale, da raggiungere in collaborazione con altre persone con cui ci si confronta e si condivide l’obiettivo comune. La sola pronuncia di questa frase “obiettivo comune” rende ancor più nobile l’obiettivo e la sua totale realizzazione.

Ecco che il CLNVeneto, vuole proprio fare la differenza su questo. La scelta fatta alla sua fondazione è volta al bene comune di tutti i marciani che si identificano nel popolo veneto, con l’obiettivo di riportarlo all’indipendenza, come lo fu per migliaia di anni con la Serenissima Repubblica di Venezia. Il tutto attuando la decolonizzazione su tutti i territori delle provincie Venete.

…. per fare questo il CLNVENETO.NET si è dato delle regole:

1) la prima su tutte è il lavorare in comune con scelte condivise e non dettate da una personale linea di comando;

2) eliminare sul nascere qualsiasi motivo di scontro o polemica nei confronti di altri soggetti giuridici esistenti nei territori veneti e che operano con lo stesso diritto sancito dai trattati internazionali EVITANDO anche schermaglie verbali o sui social;

3) nel fare ciò si vuole essere identificati rendendosi riconoscibili per quello che si fa, usando un nome ben chiaro CLNVENETO.NET. Usare come simbolo rappresentativo il leone in moeca di colore blu e circondato dalla nostra sigla.

Tre regole nuove che sembrano addirittura ovvie, per molti, ma vi assicuriamo di non facile attuazione.

Il punto uno, il condividere e decidere una strategia comporta sicuramente un dispendio di tempo che provoca anche ritardi sui programmi, ma è indubbio che tutto ciò che si approva ed è poi condiviso con tale metodo si crea una azione duratura e molto più efficace ed incisiva. Inoltre dà la possibilità di variare velocemente l’azione qualora non si ottenga il risultato prefisso, il tutto avviene velocemente senza che nessuno venga colpevolizzato per la scelta, anzi questa consapevolezza fa crescere di più la responsabilità verso quel bene comune per le scelte future…..

Il punto due, lo si è deciso perché l’esperienza dice che l’evitare qualsiasi polemica con qualsiasi persona, gruppo, o soggetto giuridico, anche se queste si presentano sotto forma di critiche molto pesanti nei confronti delle azioni o scelte fatte dal clnveneto.net, fa perdere meno energia alla causa per il bene comune. Inoltre è inutile rispondere ad insinuazioni false e tendenziose create appositamente per prendere solo una posizione dominante, personale e non costruttive, né volte al bene comune.

Il punto tre, si può fare molto anche ribadendo con un documento ufficiale che il CLNVENETO RICONOSCE A TUTTI IL MERITO DEL LAVORO SVOLTO PER RAGGIUNGERE L’INDIPENDENZA. Ma anche questo a volte è insufficiente, ecco allora che siamo a chiarire:

Esiste anche un marchio commerciale registrato presso la Repubblica italiana (CLNV.COM), molto spesso confuso con il CLNVENETO.NET, che nulla c’entra con il percorso di decolonizzazione e con C.L.N.Veneto.net

Noi non siamo in concorrenza con nessuno, perché non è il primato della supremazia o dell’originalità il nostro obiettivo ma abbiamo bene in mente di CHI SIAMO E DOVE ANDIAMO.

Pertanto auguriamo pari successo a tutte quelle persone, gruppi, movimenti o associazioni che si sono prefisse di raggiungere il bene comune, il bene del Popolo Veneto e la sua piena indipendenza in una nuova Repubblica Veneta.

Buona Decolonizzazione a Tutti

VIVA SAN MARCO il Nostro protettore.

COSA FA IL C.L.N.Veneto PER IL POPOLO VENETO

USIAMO LA VIA LEGALE PER RIVENDICARE ED OTTENERE I DIRITTI DEL POPOLO VENETO

Il CLNVeneto è legalmente costituito e notificato presso I’ O.N.U. Il suo scopo è promuovere il percorso legale di libertà del Popolo Veneto per tornare in possesso della propria sovranità sui territori della Nazione Veneta.

Attraverso un pool di professionisti (avvocati, commercialisti, revisori contabili, fiscalisti) votati alla causa patriottica Veneta, GARANTISCE COPERTURA e TUTELA a tutti gli associati di nazionalità Veneta che si sono AUTODETERMINATI nello sviluppo delle pratiche di RIGETTO di tutti gli atti amministrativi italiani e da eventuali azioni “terroristiche” che lo stato italiano volesse illegalmente intraprendere nei confronti di chi esercita il proprio diritto all’autodeterminazione trattenendosi tutte risorse a fini di autodeterminazione, come previsto dal Patto sui Diritti Civili e Politici stipulato a New York nel 1966 e ratificato anche dall’Italia con legge 881/1977.

La struttura del CLNVeneto è tipicamente veneta con cariche protempore, con un organo rappresentativo ANV (Autorità Nazionale Veneta)…  che lavora con un’unica finalità, l’ottenere la Decolonizzazione dei Territori Veneti occupati dall’Italia.

IL NOSTRO PERCORSO SI CHIAMA DECOLONIZZAZIONE ED È RICONOSCIUTO DAL DIRITTO INTERNAZIONALE NEI TRATTATI CHE STABILISCONO I PRINCIPI DELL’AUTODETERMINAZIONE DEI POPOLI (LEGGE 25 ottobre 1977, n. 881).

Un movimento di liberazione nazionale agisce in nome di un intero popolo; come aggregato organizzato di individui diviene destinatario legittimo delle norme del diritto internazionale; trattasi di un gruppo di esseri umani uniti da vincoli storici, etnici, religiosi, culturali.

Il “comitato” persegue l’obiettivo della decolonizzazione dei territori veneti occupati, per affrancarsi dall’occupazione dello stato italiano, secondo quanto previsto dal diritto internazionale.

L’obiettivo del CLNVeneto è che sempre più Veneti, presa coscienza della propria storia, dei propri diritti e dei propri confini territoriali, si autodeterminino attraverso la dichiarazione di nazionalità veneta e prendano coscienza di essere popolo storico e sovrano che rivendica il diritto all’autodeterminazione sancito dal diritto internazionale (patto di New York del 1966 ratificato dall’italia con la l881/77).

lo stato italiano, inoltre, per sua stessa legge risulta occupante i territori veneti de facto, ma liberi de jure grazie al dl 212/2010 riportato qui sotto:

  • 2799 – regio decreto – 3300 – 04/11/1866 col quale le provincie della venezia e quelle di mantova fanno parte integrante del regno d’italia
  • 3260 – legge – 3841 – 18/07/1867 colla quale e’ data forza di legge al regio decreto 4 novembre 1866, col quale fu dichiarato che le provincie della venezia e quella di mantova fanno parte integrante de regno d’italia.

C.L.N.Veneto:  QUALI SONO I TERRITORI CHE RIVENDICHIAMO

Il CLN Veneto è un “Comitato di liberazione” che rivendica, in base a leggi italiane ed internazionali, ratificate ed in vigore, tutti i territori Veneti occupati dallo stato italiano che vanno da Bergamo al Friuli, corrispondenti ai territori della Serenissima Repubblica Veneta al momento della invasione napoleonica 

C.L.N.Veneto – I TERRITORI CHE RIVENDICHIAMO:

Scarica e visualizza le Leggi Internazionali ed Italiane ratificate dall’Italia sulle quali ci basiamo per persegue l’obiettivo della “DECOLONIZZAZIONE DEI TERRITORI VENETI OCCUPATI”

DOWNLOAD

D.lgs. 212-2010 - Gazzetta Ufficiale

DOWNLOAD

Legge 881-77 Gazzetta Ufficiale